La libertà di espressione è la paura più grande

Quello che temono di più i ” grandi della terra ” , ovviamente secondo la mia personale osservazione , è la libertà di pensiero e di espressione, fatteci caso!

Non c’è niente di più potente del pensiero e della libera espressione. Il pensiero fa riflettere , ti obbliga a soffermarti e analizzare un’altra prospettiva. Il pensiero comanda le azioni ed è sempre il pensiero che ti fa crescere e sviluppare . La famosa frase ” aprire la mente ” ci fa capire che il pensiero si evolve , si confronta e questo comporta un’apertura mentale verso qualcosa di diverso.

Infatti, con questa giacca credo che il messaggio che voglio far arrivare sia molto chiaro. E anche la mia posizione, in confronto a questo conflitto che ci vede coinvolti. E la mia posizione non è a favore di nessuno in questo conflitto, è solo contraria alla guerra.

La guerra non ha più posto per me nel 2022 , è un modo troppo antico e barbaro di confronto di potere.

Ma essendo nata in un paese ex-Urss , questo conflitto mi tocca particolarmente. E non condivido affatto la politica di Putin , ne ora ne mai. Perché io so cosa comporta , perché l’ho vissuto in prima persona e perché tanti nel mio paese lo stanno vivendo ancora.

Ora vi starete chiedendo cosa c’entra l’introduzione fatta sul pensiero? Vi spiego meglio :

L’intento della politica attuata da Putin e non solo , è quella di omologare tutti quanti ad unico esempio che lui reputa coretto. Nella società inventata da quelli come lui , non c’è posto per la diversità, non c’è posto alla libera espressione e non c’è posto al libero pensiero. E tutto questo perché ? Perché il libero pensiero è difficile da prevedere e di conseguenza è anche difficile da tenere sotto controllo. Se invece tutti quanti sono omologati e tendono ad avere lo stesso modo di pensare , sono di conseguenza più prevedibili e facilmente gestibili.

E io non potrei mai vivere in un posto dove non posso essere me stessa e non posso avere un mio modo di pensare. Dove tutti debbano vestire allo stesso modo, dove tutti debbano stare alle stesse regole, dove sia già prestabilito come io debba sviluppare la mia vita. Questo è quello che lui fa con ogni suo mezzo , e lo fa da cosi tanto tempo e in maniera cosi subdola, che quando ci sei dentro non sempre te ne rendi conto.

Infatti mi è rimasta impressa la frase che mia mamma disse una decina di anni fa, quando stava vivendo qui già da qualche anno . Lei è nata nel 69 , il comunismo lo ha vissuto in prima persona e a pieno regime, infatti spesso le domandavano : Ma voi non vi rendevate conto di quello che stava succedendo ?

La sua risposta per me è stata illuminante , perché lei disse : Sai , quando vivi li e ti dicono quello che puoi avere , quello a cui puoi ambire e quello che devi pensare da quando sei nato. Se non viaggi , e non esci da quella ottica , tutto quello ti sembrerà normale.

Lei disse , me ne sono resa conto che non fosse normale , solo quando sono arrivata qui e avevo i mezzi per fare un confronto.

Ecco , questa è la vera dittatura! Inculcarti certi comportamenti e pensieri in testa da quando sei nato , con l’unico scopo di omologarti agli altri per controllarti al meglio.

Credo che un po’ di dittatura ci sia in ogni politica nel mondo , e a tutti ci vengono inculcate cose nella testa. Ma con l’unica differenza che qui , hai la possibilità di uscire , di viaggiare , di fare esperienze in altri paesi, di confrontarti con altre culture e di conseguenza capire cosa è più giusto e cosa invece è sbagliato.

Li invece , è una cultura chiusa in se stessa, viaggiare è molto difficile sia economicamente che a livello burocratico, ci sono persone che non sono mai andati in vita loro in Europa. Come ad esempio mia nonna , che era insegnate di francese nella sua vita , ma la Francia l’ha vista solo nei libri dell’università. L’unico flusso permesso è quello con la direzione verso i paesi che hanno la stessa impostazione. Infatti andare dalla Moldavia in Ucraina , in Kazakistan oppure in Russia era molto facile , altro discorso invece se si trattava di andare in un paese al di fuori da quella zona.

E’ questo che le persone non vogliono più , è per questo che a Putin lo odiano cosi tanto. Perché noi giovani del 21 secolo , vogliamo la pace! Vogliamo vivere la nostra vita come meglio crediamo. E tutta quella omologazione , tutta quella dittatura , impostazione cosi rigida e priva di confronto non ha più spazio in questo secolo. E un modo troppo antico per risolvere dei problemi cosi moderni.

Oggi qui posso mostrarvi la giacca che ho creato.. ma se invece , in questo momento , fossi in Russia oppure in un altro paese ex-Urss , non potreste leggere questo articolo né vedere questa giacca.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.